Piazzale antistante il Pronto Soccorso di un noto Ospedale napoletano;estate (torrida), un ausiliario storico (un vero personaggio, ogni tanto, per capirci, la moglie veniva a cercarlo in ospedale perché non sapeva dove fosse), indolentemente seduto che fumava.
Arriva un'auto a tutta velocità e scende un uomo con una mano stretta intorno all'altra: si era tranciato un pollice e lo teneva in mano. Si avvicina all'ausiliario ed in dialetto gli chiede: "Addò pozz' je cu stu rito?" (traduco: dove posso andare con questo dito?) E l'ausiliario:"Pe mmè putite je pure 'o cinema" (Per me potente andare anche al cinema).Chiaro? Credo che una giustizia divina esista davvero: una settimana dopo i colleghi gli hanno fatto lo scherzetto di una fiala di lasix nel caffè.Per questa storia ci teniamo a ringraziare una nostra collega di Napoli che ce l'ha simpaticamente segnalata.