Notizie

Si è svolto, con l'indispensabile contributo di Francesca Marcelletti per la parte pratica enogastronomica (e del suo team); dell'ottimo docente chef Giancarlo Destro; del nostro Gianluchino Ottomanelli l'evento ECM ''Quando il cibo è salute'' (4 crediti formativi nazionali).
Una serata diversa, per molti motivi e che ha visto il sincero gradimento di tutti i partecipanti.
Grazie soprattutto a chi c'era: il nostro tentativo di costruire una ''amalgama'' professionale passa anche da questi incontri, dove si confrontano esperienze di vita professionale molto differente, con in comune fra i presenti un dato, inconfutabile: la scelta di essere Infermieri.
a presto, un caro saluto a tutti (per il Direttivo, Francesco Falli)

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09

 

Indichiamo i tre link dai quali è possibile visionare la graduatoria degli ammessi alle prove di preselezione per i concorsi di: ASL 2 (Savona capofila con Imperia); ASL 3, ed infine ASL 4 (Chiavari capofila con La Spezia):

ricordiamo che svolgeremo ulteriore formazione per i nostri Colleghi iscritti nelle serate del 2 ed 8 agosto, dalle 20:30 alle 22:15 circa, in sede- gratuitamente e senza bisogno di prenotazione. Più avanti, una volta conosciute date concorso vero e proprio, crediamo di ripetere ancora (per eventuali altre info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ). Formazione che vale anche per i Colleghi interessati al concorso OPA-Area Nordovest Toscana.

 

COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE- Come hanno già disposto i Direttivi di IPASVI Varese (Aurelio Filippini) ed IPASVI Grosseto (Nicola Draoli), anche il nostro Collegio si costituirà parte civile per quei casi di aggressione ai propri iscritti avvenute durante il servizio e l'esercizio della Professione.
L'intento è quello di rendere sempre più concreta, per chi commette tale REATO, la possibilità di subire conseguenze in sede giudiziaria. Come più volte abbiamo detto, e come in questa occasione anche i citati Colleghi hanno ricordato, gli Infermieri, gli assistiti e le loro famiglie non sono su fronti opposti, ma ''combattono'' una comune battaglia, da alleati: quella della ricerca di soluzioni, e di aiuto reale, per casi di volta in volta differenti, spesso in situazioni ambientali, operative, complesse e difficili.
Se si devono attendere ore perchè magari si è accompagnato in Pronto Soccorso un parente ''fortunatamente'' in condizioni non gravi, è NORMALE dover attendere, perchè ''dentro'' ci sono sicuramente casi più urgenti, ed aggredendo l'Infermiere addetto al triage non si avrà una scorciatoia di favore!
L'Infermiere delle cure domiciliari non ha colpa, se le tensioni familiari del momento sono accese, e non può essere al centro di offese e aggressioni.
È assurdo giungere, pur nella ovvia concitazione ed apprensione dei momenti più complessi, a quei punti che le cronache troppo spesso riportano: le aggressioni, talvolta con bruttissime conseguenze in termini di lesioni, per gli Infermieri in servizio in molte realtà e strutture.
Naturalmente la costituzione non sarà automatica, ma verranno esaminati le singole situazioni e si procederà con un legale di nostra fiducia.

 

La nostra Regione, attraverso la decisione presa alla unanimità dai componenti il Consiglio Regionale (dunque hanno votato i politici di tutti i gruppi presenti in Consiglio, maggioranza ed opposizione), ha deciso attraverso un importante ordine del giorno di farsi carico dei costi per quanto riguarda i farmaci derivati dalla cannabis, prodotti che possono aiutare con efficacia il trattamento del dolore cronico.
Per aiutare i cittadini a comprendere il valore di questa importante decisione, e a non confonderlo con gli usi voluttuari delle droghe, ecco un contributo del nostro Presidente, nel link qui indicato.

 

Il 22 giugno si è svolta una ''simulazione'' di quanto accadrà l'11 luglio a Genova, in occasione della prova preselettiva del concorsone ligure.
Hanno partecipato 110 infermieri, tutti iscritti alla prova regionale,molto attesa, che assicurerà per i prossimi anni una graduatoria utilizzabile dalle cinque aziende sanitarie della Liguria.
La prova disputata ieri in Collegio, pur naturalmente non conoscendo i contenuti di quella che si svolgerà a Genova, ha recuperato e condiviso con i partecipanti reali domande effettuate in precedenti selezioni nazionali, come quelle disputate in Emilia, Toscana, Lombardia, oltre ad alcuni quesiti richiesti alle selezioni per i corsi di Laurea magistrale in Infermieristica.

Sono poi state aggiunte alcune domande di logica e di cultura generale, due macro argomenti che sono spesso, in percentuale differente, presenti nei ''pacchetti'' che vengono utilizzati alle prove di selezione.

I ''candidati'' hanno immediatamente potuto conoscere, attraverso la correzione condivisa che ha fatto seguito ai due diversi quiz utilizzati, come è andata: possiamo dire che questo gruppo ha superato abbastanza bene la maggior parte delle domande proposte, che sono state ''trattate'' in molti casi anche in un tempo inferiore a quello inizialmente previsto (40 minuti per 50 quesiti).

Scelte a campione e su loro spontanea disponibilità, alcune fra le partecipanti hanno descritto la performance in termini statistici: il punteggio per queste candidate si è collocato tra il 70 e l'80 %, un risultato di rilievo.

Dopo la parte del quiz, IPASVI ha messo a disposizione un esperto di colloqui di assunzione e di selezioni del personale sanitario, Carlo Orlandi, un infermiere con laurea magistrale in servizio al San Raffaele: per chi lo desiderava, immaginando il superamento della parte preselettiva, c'era la possibilità di una ''ipotesi'' di colloquio valido come ''prova pratica'', con domande di natura professionale, comprendenti normative professionali, aspetti assistenziali e di pianificazione delle
attività, gestione del carrello dell'emergenza e simili.

Alcuni fra i partecipanti hanno colto questa opportunità, a a fine lavori per il collega lombardo il risultato del colloquio è stato, nel complesso, positivo.
In aula era stata creata - come avviene di norma anche nelle vere preselezioni- una piccola accoglienza per una bimba di due mesi, figlia di una candidata, e sedie in prima file per le partecipanti in avanzato stato di gravidanza.
Il corso ha permesso anche il rilascio di 3,6 crediti formativi, validi per il programma nazionale ECM.

Per chi vorrà ricevere i test, basterà inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • 01
  • 02
  • 03

Al termine di questa breve nota, potete leggere la convocazione che riguarderà gli oltre tremila Colleghi che hanno inviato la domanda per partecipare al concorso per l'ASL 4 chiavarese (condiviso con la ASL spezzina per la utilizzazione della graduatoria che deriverà dalla conclusione delle prove).

Si tratta di una importante ripresa delle selezioni concorsuali nella Sanità pubblica regionale, dopo un lungo periodo di attesa.
Il Coordinamento IPASVI ligure ha già espresso la propria soddisfazione per la importante ed attesa decisione presa; la speranza è che molti giovani riescano a superare il concorso (ed anche chi, magari, non è più ...proprio giovanissimo)...immaginiamo che si aprirà - a caduta- il mercato del lavoro anche nella Sanità privata, dove oggi sono in servizio molti di coloro che vinceranno il concorso.

A questo punto resta solo da formulare, con sincerità, i migliori auguri a tutti: ricordiamo che come Collegio noi in questo periodo siamo stati disponibili all'inserimento delle domande, per chi aveva avuto alcune difficoltà tecniche; e che in data 22 giugno sarà svolta una ''simulazione'' a favore di oltre 120 iscritti al nostro Collegio.

Per chi non ha trovato posto, siamo naturalmente in grado di inviare, volentieri, il test con le istruzioni ed il correttore delle domande formulate per questa occasione (a partire dal 23  giugno).

Sinceri auguri ai Colleghi e ricordate di seguire le istruzioni qui riportate dalla convocazione, alla quale Vi rimandiamo con questo link:

http://www.asl4.liguria.it/ovinternet/Resource/Concorsi/2017/infermieri/prove.pdf

 

Il 31 maggio quasi tutti i candidati alla carica di Sindaco spezzino si sono presentati nella nostra sede di Via Taviani, ed hanno ascoltato le nostre proposte per una Sanità migliore, diversa, che consideri le potenzialità - spesso inespresse- della professione sanitaria di Infermiere.
In questo ambito rientrano figure dalle potenzialità elevatissime, in termini di gestione, assistenza e perfino risparmi: si pensi all'Infermiere di Famiglia; alle degenze a gestione infermieristica; ai percorsi ''brevi'' negli intasatissimi pronto soccorsi italiani gestiti da Infermieri formati.

20170531

Ovviamente, in questa fase pre elettorale ogni candidato spende buone parole per le categorie che incontra, e non può che essere così: ma abbiamo percepito un vero interesse nei confronti di queste esperienze reali, che spesso sono sconosciute anche a chi gestisce la cosa pubblica.
Almeno una funzione di educazione, informazione, e formazione è stata certamente assolta.
Grazie a tutti i numerosi presenti per la loro partecipazione.

PDFGli infermieri e una nuova sanità possibile: contributo del Collegio Infermieri IPASVI la Spezia all'incontro con i candidati Sindaco della Spezia, 31 maggio 2017