Qualche tempo fa alcune Colleghe, già in servizio da anni nella degenza di Oncologia spezzina, ci sono venute a trovare in sede.  La Oncologia spezzina ha vissuto nel corso del 2014 una cosiddetta ‘’riorganizzazione aziendale’’: in pratica, è stata chiusa come struttura autonoma e polverizzati i suoi posti letto. Oggi restano il day hospital ed alcuni letti ‘’aggiunti’’ alla degenza di medicina, in attesa di scelte future (cfr Enrico Ruggeri: …’’il futuro è una ipotesi…’’). In una realtà sanitaria provinciale, che da anni lamenta la assenza assoluta dell’hospice, questa scelta ha assai disorientato (sappiamo che si tratta di due attività distinte: un conto è una degenza oncologica, un conto un hospice; ma questa ‘strategia’ aggiunge, evidentemente, particolari problematiche a un settore di per sé già critico). Le colleghe, alle prese con le conseguenze pratiche e operative di questo cambiamento professionale, ci hanno segnalato di aver avviato una esperienza di volontariato con LILT, e hanno chiesto se era possibile coinvolgere il Collegio ‘’in qualche modo’’. Ci è sembrato subito giusto accettare: abbiamo così incontrato la Presidente LILT della provincia spezzina, Alessandra Tognoni, oncologa; la LILT ha descritto attività interessanti e noi abbiamo offerto la nostra collaborazione perché è importante esserci: come cittadini di un territorio penalizzato; come professionisti sanitari e come Ente che ci rappresenta tutti e , in particolare, per raccogliere la testimonianza professionale di Infermiere che, invece di reagire negativamente a una reale difficoltà (la chiusura, di fatto, del reparto dove operavano) si sono offerte volontarie, in una associazione dove il loro impegno è certamente prezioso. LILT, come è noto, lavora sia sul piano della prevenzione, sia su quello delle cure.

  • lilt_2015_01
  • lilt_2015_02
  • lilt_2015_03

In due giornate, a fine marzo 2015, in uno stand posto a Le Terrazze (le foto sono state scattate in quella occasione) sono stati raccolti fondi per l’avvio del progetto ambulatorio, dove medici esperti e le nostre formate colleghe accoglieranno malati oncologici. Collaborare ci è sembrato necessario, giusto e anche bello. Allo scopo, abbiamo sintetizzato la collaborazione con polo dedicate, che le ‘’Infermiere LILT’’ hanno indossato durante la presenza allo stand, e indosseranno in ambulatorio. Grazie a tutti.