L'intervento del nostro Vicepresidente sulle costanti, continue ''barriere'' e sui "fittizi" ostacoli alle nuove organizzazioni, che permettono prima di tutto più servizi agli utenti, ed anche un moderno ruolo agli infermieri italiani.
Decisamente, è impossibile che non si riesca a capire che l'IdF (Infermiere di Famiglia) NON SOSTITUISCE I MEDICI DI MEDICINA GENERALE.
Non potrebbe farlo, nè lo deve! Quindi, quale è il vero motivo dei continui distinguo, delle costanti precisazioni, da parte di questa o quella sigla?
Buona lettura (link a Quotidiano Sanità, 11 luglio 2019):