Notizie

Varate dal Direttivo tre specifiche ''consulte'', tre ''tavoli tecnici aperti'' dove possono essere protagonisti quegli iscritti inclusi nelle tre categorie indicate.
IPASVI LA SPEZIA ha sempre avuto cura di questi settori molto specifici, ma oggi crediamo, viste le crescenti complessità, esser giunto il momento di inserire nei progetti dedicati coloro che, nel quotidiano, vivono specifiche situazioni speciali.
I lavori della CONSULTA SANITA' PRIVATA sono già scattati giovedì 19 novembre in sede, davanti a un folto pubblico di Infermieri (presenti anche altre figure, come direttori di struttura, più che benvenuti) impegnati nella Sanità privata.
Tra i temi toccati la fotografia della situazione nelle singole realtà, e la raccolta dati, per partire con una analisi delle più urgenti ''cose da discutere''.
Seconda puntata l'11 dicembre, con la organizzazione del lavoro per il 2016.
Per IPASVISP sono referenti di progetto Gian Luca Ottomanelli e Valentina Svichkar che lavorano da anni nel settore(è presente anche Benedetta Eguez come consulente e supporto, considerando che agisce nel settore pubblico); mentre per le singole strutture sono già in fase di individuazione referenti dedicati.

CONSULTA GIOVANI e CONSULTA LIBERA PROFESSIONE entreranno in una fase operativa presto, dopo il Direttivo programmato il 10 dicembre: così come nella consulta Sanità privata, la condizione è esser parte di queste categorie.
Sono così inclusi nei lavori della prima tutti gli iscritti -che lo desiderano- che non hanno ancora compiuto i 37 anni di età, e nella seconda i Colleghi con partita IVA: i referenti sono quei Consiglieri con questi requisiti, presenti nel Direttivo spezzino.

L'obiettivo è quello di ragionare su questioni pratiche e possibili.
Nel caso dei giovani, per esempio, tutti sanno che non possiamo offrire posti di lavoro; ma possiamo offrire aiuto, contatti, consulenze dedicate su temi diversi (preparazione a eventi, a concorsi, aiuto nella costruzione di un CV; info su ECM, ecc): insomma, cerchiamo di esserci e di sostenere ciò che è raggiungibile, senza sparare promesse vane su cose non possibili, semplicemente, per un Collegio.

Ricordiamo, E NE E' UN EVIDENTE ESEMPIO IL CASO DELL'HOSPICE, che quando IPASVI LA SPEZIA rimarca -come da mandato della legge 1049 del 1954- il rispetto della dignità delle cure (caso clamoroso, nello Spezzino, l'assenza di un hospice), che questo stimolo va sia a favore della popolazione, sia della professione e dei Colleghi.
La inaugurazione prevista per il dicembre 2015 dei primi letti hospice nel territorio porterà infatti a nuovi posti di lavoro (per ora privati); e questo va a beneficio di tutti.

Altre iniziative simili possono, devono nascere anche dallo stimolo dei Colleghi inseriti in queste Consulte.Cari saluti; altre info via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Entro il 15 dicembre 2015 TUTTI possono spedire foto che rimarchino il prezioso impegno professionale dell'Infermiere.
Per ricevere il bando integrale: mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sono sempre di più coloro che affermano di essere Infermieri, e non lo sono. Per verificare se colui o colei che dicono di essere Infermieri lo sono realmente, andate su www.ipasvi.it, e cercate ''ricerca albo'' in fondo alla pagina di apertura, poi scrivete il nome che dovete verificare.
Se non c'è, siamo di fronte a qualcuno che non può assistervi.
In ogni caso, per chiarimenti o urgenze noi siamo sempre raggiungibili ai nostri contatti.

attenzione ai falsi infermieri